Due documenti in vista dei bilanci 2016 — Studio Mercuri Ceschini
173
post-template-default,single,single-post,postid-173,single-format-standard,eltd-core-1.0.3,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.12, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_push_text_right,transparent_content,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Due documenti in vista dei bilanci 2016

Due documenti in vista dei bilanci 2016
Messi a punto dal “Gruppo di Lavoro Revisione Legale” del Consiglio nazionale

Due importanti strumenti di lavoro in vista delle scadenze dei bilanci 2016. Li ha messi a punto il “Gruppo di Lavoro Revisione Legale” del Consiglio nazionale dei commercialisti, coordinato dal prof. Raffaele D’Alessio insieme ai consiglieri nazionali Raffaele Marcello e Andrea Foschi. “Il Consiglio nazionale – affermano Marcello e Foschi – è convinto che i colleghi impegnati nella revisione potranno trovare in questi documenti appena pubblicati risposte ad alcuni dei maggiori dubbi che sicuramente saranno insorti in questa ‘fase di transizione’ e potranno concludere i propri incarichi di revisione con maggiore incisività e serenità”.

Il primo dei due documenti si intitola: “La relazione di revisione dei sindaci revisori per il bilancio del 2016” e ha lo scopo di orientare l’attività dei commercialisti impegnati, come membri del collegio sindacale incaricato della revisione legale, nella revisione dei bilanci 2016. Infatti, dopo la Determina del Ragioniere Generale dello Stato del 23 dicembre 2014 con la quale sono stati emanati i principi internazionali di revisione della serie ISA Italia, con effetto a partire dal 1 gennaio 2015, sono sopraggiunte, nel frattempo, due importanti novità legislative quali

a)   il D.Lgs. 139/2015, in attuazione della Direttiva 2013/34/UE, che ha modificato il bilancio oggetto di revisione e l’art. 14 del D.Lgs. 39/2010;
b)   il D.Lgs. 135/2016, in attuazione della Direttiva 2014/56/UE, che ha riscritto gran parte dell’appena menzionato D.Lgs. 39/2010.

Di qui, la necessità di mappare, comprendere e applicare le novità che trovano applicazione già nella revisione dei bilanci 2016.

No Comments

Post a Comment